Il cambiamento è anche saper riconoscere i propri errori

Il parlamentare Andrea Cecconi all’indomani delle due consultazioni, che hanno creato del mal di pancia all’interno del movimento 5 stelle, spiega a bersaglio mobile le ragioni, le necessità e la voglia di cambiamento…..

IMG_0048.JPG

Guarda il video…. YouTube

Nicola Sargenti M5S Deruta.

B & R di nuovo insieme

Oggi l’imperatore e il darth nano, si incontrano di nuovo, il Nazzareno 2 la vendetta, in barba alle semplici regole morali, il presidente del Consiglio istituzione nazionale al potere senza elezioni, incontra in segreto il suo mentore, un uomo che se fosse stato un semplice cittadino sarebbe in cella da anni, un uomo edito al crimine anche organizzato. Si incontrano come due picciotti per stabilire il da farsi, suggellare la nuova alleanza, forte duratura, a discapito dello stato della nazione e dei cittadini. Due soli uomini con la complicità di sire Napolitano, una moderna triplice alleanza. Già me l’immagino la conferenza stampa risatine ammiccamenti e battute da pollaio, con quel fare il capo sono io e voi non siete un cazzo, tipico di chi da ragazzino era preso x il culo dai compagni di scuola e ora cerca la vendetta, odia essere contraddetto e ama fare comizi in cui parla solo e soltanto lui. Cosi muore la democrazia tra scroscianti applausi.

Deruta, città d’arte e la piazza senza parte!

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
d’una luminosa città d’arte che con tal nome fu data una parte.
Qual’anima avia il valor di simile onor,
ma fu scelto con ardore un’uomo di disonore.
Mi ricordo di costui parti fiero da caput mundi alla città del moro,
ma con in tasca tanto oro.
Fu di manipulite e di conto, ma la patria non gli concesse nessuno sconto.
Caro cittadino difenditi con orgoglio da questo grande broglio;
Una piazza con tal nome in questa città D’arte, ma che ne ha di parte?

GIORNALISMO O………. COPIA INCOLLA ???

Created with Nokia Smart Cam

CLICCA PER INGRANDIRE L’IMMAGINE!!

Il Movimento 5 Stelle Deruta rende noto quanto segue dopo l’articolo di M.B. sul Giornale dell’Umbria del 6/7/14 – Mense delle scuole comunali – m5s all’attacco. Nel seguente articolo sembra di fatto che un’esponente del m5s Deruta abbia rilasciato dichiarazioni al giornalista M.B. Informiamo i cittadini in modo categorico che ciò non è mai avvenuto, nessuno di noi ha mai avuto contatti con il signor M.B. e non ha rilasciato dichiarazioni in merito alle mense comunali e alla CAMST. Inoltre l’articolo scritto da M.B. non è altro che un copia incolla del nostro comunicato scritto sul nostro sito in data 26/6/2014, fonte https://deruta5stelle.wordpress.com/2014/06/26/camst-i-nostri-figli-e-le-mense-scolastiche/ Ricordiamo che il servizio CAMST fu attuato a fronte di un risparmio, a detta dell’amministrazione comunale, di circa 200.000 euro, ora aspettiamo di sapere se questo risparmio c’è veramente stato, e se c’è stato, come è stato speso il plus da 200.000 euro generato ? Ci teniamo a sottolineare che noi non abbiamo portato nessun attacco alla ditta CAMST, ma abbiamo semplicemente riportato i fatti accaduti alla suddetta ditta di servizi nella città di Torino. Per quanto riguarda invece le vicissitudini del nostro comune Deruta, i fatti ci sono stati riportati dal comitato genitori mense scolastiche. Oltre tutto, per rispetto e correttezza, vorremmo essere contattati qualora il Signor M.B. intenda pubblicare ancora notizie riguardo il m5s così da evitare articoli che non corrispondono alla realtà dei fatti. GRAZIE. LO STAFF COMUNICAZIONI M5S DERUTA

CAMST….. dove c’è un casino!

Parlavamo pochi giorni fa del caso CAMST a Torino, ed ecco che pochi giorni di distanza ci sono novità, come di consueto vi riportiamo le notizie per correttezza e trasparenza e ricordiamo a tutti i genitori che CAMST si occupa della somministrazione del cibo per le mense delle scuole site nel nostro comune DERUTA. ( tranne asilo nido ).

ARTICOLO :

Non si placa lo scandalo mense che rischia di far saltare la poltrona di Maria Grazia Pellerino, assessore comunale all’Istruzione. Tanto che venerdì 4 luglio la Commissione Cultura e Istruzione, presieduta da Luca Cassiani del Partito Democratico, farà un sopralluogo alla Camst, ovvero l’azienda che si occupa di rifornire le scuole di cibo.

Sono due le questioni scottanti che potrebbero far saltare una poltrona: le mosche nel cibo e un dossier del laboratorio della Camera di Commercio, incarico dal Comune di svolgere le verifiche sull’igiene necessarie. Faccende su cui la Pellerino ha detto di non sapere niente, provocando le richieste di dimissioni del Cogen, il Coordinamento Genitori con presidente Carola Messina, e dei consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Vittorio Bertola e Chiara Appendino. Non solo. A chiedere chiarezza sono anche i capigruppo di Partito Democratico Michele Paolino e di Sinistra Ecologia Libertà Michele Curto.

Andiamo con ordine. Per quanto riguarda le mosche, la Pellerino ha affermato che non ce n’era traccia nella relazione dell’Asl ricevuta. Il problema è che si parla della presenza di insetti nella relazione della polizia giudiziaria coordinata dal procuratore capo Raffaele Guariniello. La faccenda dossier è ancora più complicata. Se da una parte l’assessore ha detto in Comune che «non c’erano state segnalazioni particolari», d’altra parte dal laboratorio stesso fanno sapere che queste segnalazioni c’erano state. La relazione, ha affermato di vicedirettore del laboratorio Guido Cerrato, non sarebbe stata inviata inviata alla Pellerino ma al direttore del settore Filippo Valfré, e di cui lo stesso assessore, in Commissione, afferma di non sapere niente.

Quindi, se il Cogen esige «che sia fatta chiarezza su ogni aspetto della vicenda», Bertola e Appendino, come di consueto, non hanno paura di peccare di chiarezza: «Pellerino ha mentito? Se sì se ne deve andare».

Il capogruppo del Pd Michele Paolino, invece, ribadisce la volontà di approfondimento: «A noi interessa che sia garantito un servizio con elevati standard qualitativi» conclude. Venerdì 4 luglio, dopo il sopralluogo, si saprà di più

IN DATA 4 LUGLIO VI DAREMO LE NUOVE.

FONTE: http://www.nuovasocieta.it/torino/scandalo-mense-sopralluogo-del-comune-alla-camst/

QUALCOSA COMINCIA A ROMPERSI……….

Nella giornata del 26 giugno a seguito di un post su Facebook di un’esponete del PD locale è andato in scena un battibecco tra cittadini, assessori, consiglieri, ecc..

Image

Noi che più di tutto siamo per l’informazione e per la trasparenza abbiamo fatto un copia incolla della conversazione e ve la proponiamo senza filtri, leggete che ognuno di noi sia libero di pensare……

CONVERSAZIONE

Image

la conversazione continua……………..

CAMST……. I NOSTRI FIGLI E LE MENSE SCOLASTICHE

ImmagineCome molti di noi sanno le scuole del nostro comune Deruta dopo anni di autoproduzione alimentare ( cuoca dipendente comunale ) sono passati tramite bando pubblico “aggiustato ad personam” alla società di ristorazione CAMST www.camst.it ; le scuole in questione sono tutte tranne l’asilo nido gestito da POLIS. Questo cambiamento all’inizio ha suscitato diverse polemiche sfociate dopo il coraggio e il lavoro di alcuni genitori in una grande assemblea a Sant’Angelo di Celle cui parteciparono circa 300 genitori e gli assessori Battistelli e Toniaccini i quali assicurarono a tutti che il servizio e la qualità del cibo sarebbero rimasti invariati se non addirittura migliorati. Nel periodo successivo il comitato genitori che si occupava di controllare il servizio ha contestato svariate problematiche e inconformità tra cui ( una sola volta ) presso la scuola media il pranzo è stato predisposto in porzioni preconfezionate, molti minuti prima dell’ora del pranzo trasgredendo cosi di fatto le normative HACCP. Il comitato nonostante abbia fatto presente le innumerevoli problematiche riscontrate, le risposte da parte dell’amministrazione sono state insoddisfacenti e la CAMST gestisce tutt’ora le mense scolastiche del nostro comune. Ecco dunque un articolo datato 25/6/14 rigurdante la CAMST a Torino. ( cito )

Mense scolastiche, blitz dell’Asl: sigilli alle cucine Camst

Immagine

Un’ispezione aveva evidenziato il mancato rispetto dell’igiene: mosche per terra, scarichi rotti, frigo senza termometri. Guariniello indaga sul titolare Articolo: È stata chiusa la Camst, la ditta di ristorazione che ha l’appalto per la gestione delle mense scolastiche di Torino e di alcuni comuni della cintura. In particolare sono stati messi i sigilli al centro di cottura di Moncalieri, ad opera dell’Asl 5, dopo che una ispezione della polizia giudiziaria della procura di Torino aveva messo in evidenza almeno una decina di violazioni delle norme igienico-sanitarie: mosche per terra, scarichi rotti, frigoriferi senza temometri. Il procuratore Raffaele Guariniello, dopo un anno di lamentele ed esposti dei genitori, e dopo quattro intossicazioni alla scuola Perotti, ha aperto un fascicolo e ha indagato il titolare della Camst del reato di commercio di sostanze alimentari nocive. Fonte: http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/06/25/news/mense_scolastiche_blitz_dell_asl_sigilli_alle_cucine_camst-89970994/?ref=fbpl

Deruta ci sei?

Deruta una cittadina di poco più di 9000 abitanti, nel cuore dell’Umbria deruta, una cittadina

conosciuta in tutto il mondo per la sua ARTE legata alla maiolica artistica, centro

nevralgico fino a qualche anno fa dello studio e dello sviluppo dell’arte della ceramica a

livello nazionale .

Oggi città sofferente senza più idee senza più spinte o meglio non si incoraggiano più

quelle spinte che ci hanno portato sul tetto del mondo.

Deruta sucitava interesse in tutto il globo non vi era americano, cinese, australiano che

non conoscesse lo slpendore dei prodotti artistici del nostro territorio.coc Oggi cosa

succede? la crisi avra messo il suo zampino? ma la colpa sarà veramente tutta della

crisi? Come si dice qui da noi “i derutesi so strani”… strani? ma non è che saremo un pò

coglioni? Abbiamo a disposizione qui nel nostro comprensorio aritisti di fama

internazionale/mondiale, artisti che hanno negli anni prodotto pezzi d’arte unici e

inarrivabili, opere che sono esposte nei piu’ importanti musei internazionali, opere che solo nel guardarle suscitano emozioni forti.

Oggi chi potrebbe veramente fare la differenza?  Abbiamo tra le

mani un tesoro, un immenso tesoro e lo stiamo facendo scivolare tra le dita. Le colpe? Le

colpe sono di tutti, di ogni singolo cittadino, commerciante, artista, le colpe sono di tutti

a partire dalle amministrazioni presenti e passate, dai commercianti ( settore ceramica )

che non hanno mai intrapreso la strada dell’unione, o meglio alcuni hanno provato altri

hanno disfatto, da sempre divisi. Deruta una città che ha tutte le carte in regola per

essere centrale dell’arte creativa nazionale con la sua fornace più antica del mondo e il suo sapere forse ancor più antico. Ora

al collasso sociale ed economico, io sono un semplice cittadino come tutti voi, mi rivolgo a

tutti, basta guardare solo all’interno del nostro piccolo, spaziate siate oltre, basta essere

nemici, unitevi e create, create come non avete creato prima, noi giovani abbiamo delle

responsabilità enormi, non lasciatevi intimidire dal retorico modo di dire: “non cambierà mai niente” perchè

non ci resta che iniziare dal niente, insieme possiamo veramente fare la differenza.

Uniamo le idee creiamo il futuro adesso. Voglio ringraziare tutti 997 cittadini del nostro

comune che credono nel cambiamento vero, nella trasformazione di tutto quello che è

stato fino ad ora la nostra vita quotidiana, nello stravolgimento completo delle regole

imposte fin ora su tutti i livelli, che sia arte, amministrazione, vita sociale, plesso

economico. Dobbiamo reagire e divincolarci insieme da questa melma stantia, il

movimento 5 stelle Deruta è fermamente convinto che insieme ai cittadini possiamo fare

veramente la differenza , insieme possiamo ridare energia e vitalità al nostro paese

partendo dal basso, decisioni prese e discusse insieme al solo scopo di portare il bene

comune, ad immettere positività e nuova vitalità al sistema economico socioculturale di

Deruta. Deruta ci sei? Io sò per certo che ci sono ragazzi, ragazze, uomini e donne che

sono pronte a dare tutto pur di riportare Deruta nel posto che merita, capitale dell’arte, e

non solo un comune che abbia il coraggio di fare scelte diverse, ma condivise e discusse

insieme sotto ogni punto di vista. Vi ringrazio e a tutti i miei concittadini dico, forza

reagiamo…. solo insieme ed uniti possiamo affrontare e riprendere in mano la situazione, e

che siano i cittadini a scegliere e decidere.

GRAZIE Nicola Sargenti, Mirko rapporti M5S Deruta. logoder